Donna con acconciatura ad onde permanente
Hairstyling | Permanente

La permanente: cambiare è bello

Con la piega liscia a farla da padrona, le permanenti sembravano finite nel dimenticatoio e invece stanno tornando prepotentemente alla ribalta. Il loro magico effetto può dare vita ai look spettinati più audaci, alle pettinature afro più trendy o semplicemente regalare tanto volume a qualsiasi capigliatura. Scopriamo insieme tutti i segreti della permanente.

Come fare la permanente? Ovviamente, ancora oggi è necessario un trattamento a base di sostanze chimiche per riuscire a creare dei ricci permanenti. I parrucchieri si riferiscono a questa tecnica anche con il termine “piega permanente”. È studiata per rompere determinati legami proteici del capello per rimodellarlo in una nuova forma ondulata. Consigliamo di trattare i capelli con delicatezza e un’estrema cura prima, durante e dopo la permanente. Per fortuna, esistono moltissimi prodotti specifici facili da trovare, che proteggono ogni singolo capello con sostanze come la cheratina e il collagene. La formulazione delle permanenti odierne contiene già numerosi agenti che si prendono cura dei capelli. Le proteine della seta, ad esempio, rendono la capigliatura più sinuosa, l’aloe vera ha proprietà idratanti e gli amminoacidi contribuiscono a mantenere il capello vitale ed elastico.

Ricci, onde e volume: i pregi della permanente

Permanente su capelli biondi sfumati

La permanente può creare un volume ondulato perfetto per sottolineare le diverse sfumature dei capelli regalando un effetto di naturale vitalità.

La permanente può essere utilizzata per creare stili diversi, dai ricci afro alle onde fluenti. Inoltre, può servire per tenere in ordine una chioma naturalmente riccia o domare i ciuffi ribelli più ostinati. In fatto di lunghezze, però, ci sono dei limiti da rispettare. È difficile riuscire a modificare la forma di capelli che superano i 30 cm perché il peso della chioma diventa eccessivo e i ricci finirebbero per tornare a distendersi. In base alla dimensione dei bigodini da permanente e alla tecnica utilizzata, il trattamento può generare maggiore volume alle radici oppure un movimento ondulato per tutta la lunghezza dei capelli. Come regola generale, più è grande il bigodino più risulterà ampia l’onda che si viene a creare. La permanente a onde ampie tende a perdere forma più in fretta dei ricci piccoli. 

I capelli devono essere avvolti nei bigodini mantenendo una certa tensione affinché la piega riesca a rimodellarne la fisionomia. Per questo un bigodino da permanente efficace non può superare determinate dimensioni. I classici bigodini tondi hanno un diametro che varia da 0,3 a 2 cm. In alternativa, si possono usare i bigodini a spirale per ottenere ricci a forma di boccoli e i bigodini conici per creare onde dall’aspetto molto naturale.

La cura dei capelli permanentati

Nonostante le permanenti odierne siano molto più delicate che in passato, i capelli appena sottoposti a questo trattamento hanno bisogno di cure speciali. Shampoo e lozioni appositamente studiati per chi ha la permanente donano ai capelli stressati o ricci nuova vitalità e lucentezza. Contengono preziosi oli vegetali e le componenti fondamenti del capello in forma liquida, particolarmente efficaci dopo una permanente. I trattamenti senza risciacquo sono molto comodi e efficaci per questo scopo. Applicare il trattamento settimanale sui vostri capelli permanentati diventerà un piacere, oltre ad essere un must dopo la permanente. Non dimenticare di prenderti cura dei capelli ricci con una maschera nutriente, che diventa ancora più efficace se lasciata in posa durante la notte. È bene evitare di tingere i capelli per almeno una settimana dopo l'applicazione della permanente. Lo stress per i capelli e per il cuoio capelluto potrebbe essere eccessivo. Prendi in considerazione alternative più delicate come una tintura temporanea o uno shampoo colorante.