Donna con dreadlocks e tatuaggi fotografata di profilo
Hairstyling | Trecce

Dreadlock: il look alternativo per eccellenza

 

Ti piacerebbe completare il tuo look boho con un’acconciatura alternativa? Allora i dreadlock potrebbero fare al caso tuo. Qui di seguito troverai tutte le informazioni necessarie sui capelli rasta, sulla loro realizzazione e cura. Scopri di più sulla storia e sulla realizzazione di questa acconciatura!

I dreadlock sono molto di più di una semplice acconciatura. Di fatto in molte religioni, come l’induismo e il rastafarianesimo, fanno parte di uno stile di vita caratterizzato dall’allontanamento dalla vita mondana e dalle convenzioni sociali. Tradizionalmente i dreadlock vengono realizzati su capelli lunghissimi e non vengono mai tagliati poiché la lunghezza dei capelli è simbolo di forza divina. Oggi, invece, i dreads vengono realizzati su tutti i tipi di capelli, sia lunghi che corti.

Come fare i dreadlock

I dreadlock sono formati da tanti nodi nei capelli, simili a trecce, che non possono essere sciolti. La parola dreadlock non ha una traduzione precisa ed essi vengono spesso, erroneamente, definiti anche come capelli rasta, poiché sono stati inventati dai seguaci dell’imperatore di Etiopia Ras Tafari, primo profeta del rastafarianesimo. Ma come si fanno i dreadlock?

 

Se non hai particolare manualità, potrai rivolgerti al tuo parrucchiere di fiducia: le sue mani esperte sapranno sicuramente trattare i tuoi capelli e trasformarli in meravigliosi dreads. Se invece vuoi sperimentare con il fai da te, ecco una mini guida su come fare i dreadlock in casa.

1. Lava i capelli con lo shampoo che usi di solito, ma non utilizzare il balsamo o altri prodotti idratanti: i dreadlock sono più facili da realizzare se i capelli sono tendenti al crespo.


2. Suddividi i capelli in ciocche e tienile separate utilizzando dei piccoli elastici. Procedi a pettinare una ciocca alla volta, tenendo ciascuna ciocca ben tesa e passando il pettine dal basso verso l’alto, come se volessi cotonare i capelli.


3. Rigira ogni ciocca tra le dita, utilizzando una cera per capelli.


4. Per dare a ogni dreadlock la giusta consistenza, annoda i capelli di ogni ciocca con l’aiuto di un uncinetto a punta piccola. Partendo dalle radici, inserisci l’uncinetto nella ciocca e aggancia una piccola porzione di capelli con la punta. Annoda i capelli raccolti al resto del dreadlock mantenendo l’uncinetto in posizione perpendicolare rispetto alla ciocca.


5. Ripeti questo procedimento su tutta la testa e rimuovi gli elastici.


6. I tuoi dreads sono pronti!

Cura dei dreadlock

Di leggende metropolitane sulla presunta sporcizia dei capelli rasta è piena la rete. In realtà i dreadlock richiedono soltanto qualche cura in più e non sono affatto sinonimo di trascuratezza.

 

Lava i capelli regolarmente utilizzando uno shampoo molto delicato, rinunciando però all’uso di maschere idratanti e di balsamo per non rischiare di sciogliere i nodi dei tuoi dreads. Puoi anche utilizzare uno shampoo secco.
Strizza bene i capelli prima di procedere all’asciugatura e ricorda di non impostare mai l’asciugacapelli su temperature troppo alte o a velocità eccessiva. Dopo aver asciugato i capelli, guarda ogni ciocca e valuta di intrecciare nuovamente qualche dreadlock, per evitare che si disfi o che perda la sua forma.

 

Un piccolo trucco? Lava i capelli con un olio lavante, alternandolo allo shampoo. L’olio contribuirà a rendere i tuoi capelli puliti e splendenti.