Donna con trecce laterali e capelli blondette
Colorazione | Capelli biondi

Blondette hair: scopri il nuovo trend

Pensavi che il castano e il biondo fossero già stati esplorati in lungo e in largo e non potessero regalarci ulteriori novità? Errore! Ecco per te un nuovo biondo di tendenza: il blondette, noto anche come blonette: non è biondo, non è brunette, ma si colloca a metà tra i due colori. 

 

Inizialmente questo colore aveva preso il nome di dirty blonde (biondo sporco) o partendo dal punto di vista opposto, sunkissed brunette (ovvero brunette baciato dal sole). Il senso, in entrambi i casi, è lo stesso e il trend è stato portato in voga molti anni fa da Jennifer Aniston. Ma ora è tornato e non ha intenzione di lasciare le scene!

Blondette: istruzioni per l’uso

Il colore blondette non è particolarmente difficile da ottenere, ma bisogna sempre tenere presente la base di partenza e il tuo colore naturale.

 

Perciò, prima di afferrare la prima tinta che trovi a portata di mano, bisogna considerare alcune cose. Il processo per ottenere le sfumature blondette varia a seconda del colore naturale dei tuoi capelli:

 

Se i tuoi capelli sono castani, allora devi scegliere delle tonalità sul biondo. La cosa migliore è di optare per ciocche piuttosto consistenti di colori anziché su sottili colpi di sole. Per ottenere un risultato ideale, ti consigliamo di colorare i capelli in modo che siano più biondi nella parte frontale, sfumando gradualmente verso tonalità più scure man mano che ci si avvicina alle ciocche posteriori.

 

Se i tuoi capelli sono biondi, invece, per ottenere il colore blondette dovrai scurire delle sezioni. È importante colorare i capelli attentamente per evitare di avere blocchi di colore alle radici, perché crescendo riveleranno immediatamente la tinta e richiederanno quindi attenzioni una volta ogni due settimane per sistemare la ricrescita.

 

I punti di luce ottenuti utilizzando una tonalità più chiara daranno nuova vitalità ai tratti del tuo viso, oltre a dare più movimento alla tua chioma: infatti le sfumature possono anche essere utilizzate per mettere in risalto alcuni aspetti del tuo volto rispetto ad altri. Il colore blondette non ha bisogno di grande manutenzione e aggiustamenti; continuerà a sembrare naturale anche quando i tuoi capelli ricresceranno: una scelta perfetta per chi non ha tempo per continui ritocchi. Altrimenti puoi sempre optare per un semplice ritocco della ricrescita con i prodotti appositi.

Per ottenere il colore blondette ti consigliamo di chiedere il parere di un esperto o di farti aiutare per riuscire a creare le diverse sfumature nel modo giusto. Il fine principale di questo trend di colore è quello di far brillare il più possibile di nuova luce il tuo colore naturale, limitandosi a evidenziarlo e renderlo ancora più vivo e movimentato attraverso le sfumature più chiare o scure. Un esperto potrà aiutarti a stabilire quale sfumatura faccia al caso tuo in base al colore della tua carnagione e dei tuoi occhi. Ad esempio è importante capire se è meglio optare per colori caldi o freddi, sia per schiarire che per scurire: meglio un biondo cenere o un biondo dorato? Un castano moka o un castano nocciola?

Scopri: Capelli biondi